Coinvolgere gli studenti nell’apprendimento attivo

Coinvolgere gli studenti nell’apprendimento attivo

UNA BREVE STORIA DELLE TEORIE DI APPRENDIMENTO

 


Per farla breve, possiamo dire che prima degli anni Cinquanta, quando abbiamo iniziato a cercare di capire come avviene l’apprendimento, l’approccio principale era il comportamentismo.
Questo approccio sistematico presuppone che tutti i comportamenti siano prodotti da
una risposta a determinati stimoli nell’ambiente.
Il comportamentismo si concentra su una particolare visione dell’apprendimento: un cambiamento nel comportamento esterno ottenuto attraverso l’uso del rinforzo e della ripetizione.
Il comportamento desiderato viene premiato, mentre il comportamento indesiderato è punito.
Pertanto, questo approccio didattico si concentra principalmente sull’apprendimento meccanico.
Negli anni sessanta emerse un nuovo approccio chiamato cognitivismo. Il cognitivismo si riferisce all’azione mentale o processo di acquisizione di conoscenza e comprensione attraverso il pensiero, l’esperienza e i sensi.
Il cognitivismo è la psicologia dell’apprendimento che enfatizza il modo in cui pensiamo
e il modo in cui acquisiamo conoscenza.
Riguarda come impariamo, come risolviamo i problemi e come memorizziamo nuove conoscenze.
Il costruttivismo è una filosofia di apprendimento emersa alla fine degli anni sessanta basata
sull’assunto che, riflettendo sulle nostre esperienze, costruiamo la nostra comprensione.
Quindi, generiamo i nostri modelli mentali e quindi l’apprendimento sta adattando quei modelli mentali per accogliere nuove esperienze.
I principi guida sono i seguenti: la conoscenza è costruita, non trasmessa, la conoscenza precedente influisce sul processo di apprendimento e la costruzione di nuove conoscenze richiede sforzi e attività significative.
Il costruttivismo consiste nel costruire la nostra conoscenza che può differire da  persona a persona, anche se il contesto di apprendimento è lo stesso.
Concentriamoci ora sulla più recente e più elogiata teoria dell’apprendimento chiamata socio-costruttivismo.
Qui è impossibile non menzionare lo psicologo svizzero Jean Piaget, che ha respinto
l’idea che l’apprendimento fosse l’assimilazione passiva della conoscenza data.
Invece, Piaget ha proposto che l’apprendimento sia un processo dinamico in cui gli studenti attivamente costruiscono la conoscenza creando e testando le proprie teorie con quelle di altri attori.
Pertanto, il costruttivismo sociale estende la teoria dell’apprendimento del costruttivismo integrando il ruolo attivo delle interazioni di apprendimento.
Dalla fine del secolo scorso, il modello di apprendimento del socio-costruttivismo è considerato la teoria dominante per comprendere i processi di apprendimento, sottolineando l’importanza della contestualizzazione e delle interazioni sociali.
Inoltre, gli studi sull’aumento dell’uso della discussione studentesca in classe, come Peer Instruction, che verrà presentato in seguito,
supportano entrambi e sono basati sul costruttivismo socio-economico.
Partecipare a una discussione di coppia o di gruppo consente agli studenti di confrontarsi con la loro comprensione e di costruire un solido fondamento delle loro conoscenze.
Inoltre, l’implementazione del costruttivismo socio-educativo nell’insegnamento e nell’apprendimento aumenta la motivazione degli studenti, le
capacità collaborative e le abilità SEL (apprendimento socio-emotivo) considerate essenziali
oggi come vedrete in seguito.
Dati i vantaggi derivanti dalle interazioni sociali per rendere possibile l’apprendimento,
è sorprendente che non venga usato più spesso.
Gli insegnanti, che sono in grado di insegnare a valutare ciò che pensano i loro studenti, creano degli studenti.
La discussione e le interazioni in classe promuovono l’apprendimento profondo, rispetto all’apprendimento di superficie o strategico, perché offrono agli studenti l’opportunità di dimostrare i loro pensieri indipendenti.
Un gran numero di studi ha confrontato l’efficacia delle lezioni con metodi di insegnamento interattivi.
I risultati mostrano quasi invariabilmente che i metodi di apprendimento attivo sono più efficienti in:
conservazione degli studenti di informazioni dopo la fine di un corso,
trasferimento di conoscenze a nuove situazioni, sviluppo di problem solving,
pensiero, pensiero critico e motivazione per l’apprendimento ulteriore.
Insegnare attraverso la discussione e le interazioni differisce dalla lezione, perché non sai mai cosa sta per accadere.
A volte questo produce ansia, a volte può anche essere frustrante ma, per la maggior parte del tempo, è rinvigorente.
Fornisce sfide costanti sia per l’insegnante che per gli studenti.
Spesso gli insegnanti delle grandi classi pensano di dover tenere una conferenza perché pensano che la discussione sia impossibile, ma, in realtà, le tecniche di discussione possono essere utilizzate in classi di tutte le dimensioni.

 

 

UN NUOVO PARADIGMA PER INSEGNARE E APPRENDERE


Esiste un nuovo paradigma nell’insegnamento e nell’apprendimento. Diamo prima un’occhiata all’insegnamento.
Non è l’insegnamento, è l’apprendimento!
A partire dagli anni ’90, gli studi sugli stili di insegnamento hanno categorizzato ampiamente l’insegnamento in tre approcci educativi.
A un estremo, abbiamo insegnanti incentrati sulla trasmissione delle loro conoscenze.
Pensano in termini di tempo a disposizione per fornire le loro conoscenze.
La loro preoccupazione principale è di coprire tutti i soggetti richiesti nel loro campo al fine
di raggiungere i risultati di apprendimento attesi.
Negli ultimi quindici anni, questo approccio spesso genera una sorta di “atteggiamento di sopravvivenza” per i nuovi docenti, che devono mettere tutta la loro energia nel loro insegnamento e non possono concentrarsi sulla prospettiva di apprendimento degli studenti.
Questo approccio può evolvere a quello successivo, al centro di questo schema,
che si concentra sull’organizzazione.
Come posso aggiungere attività al mio piano di insegnamento per costringere gli studenti a diventare attivi in ​​classe?
Come posso coinvolgerli, in modo che non possano rimanere passivi durante il mio corso?
Ti è mai capitato di partecipare a un seminario in cui erano previste molte attività,
ma alla fine non è rimasto molto?
In un certo senso, questo è uno stile di insegnamento trasformazionale, che spera conduca l’insegnante alla terza possibilità.
Nella terza categoria, gli insegnanti non si concentrano sulla trasmissione di conoscenze o sull’organizzazione di attività in classe.
Invece, trovano il modo di assicurarsi che l’apprendimento avvenga.
Questi insegnanti si pongono domande come “Come posso verificare che i miei studenti stiano apprendendo ciò che dovrebbero imparare nella mia classe?” O “Come
valuteremo il loro apprendimento insieme?”
Con questo approccio, un insegnante che osserva che gli studenti sono persi dopo 15 minuti
si fermano e cercano di trovare altri modi per assicurarsi che l’apprendimento avvenga.
Alcuni studi simili, come quelli condotti da John Biggs, sono stati fatti per osservare
gli stili di apprendimento degli studenti.
Anche in questo caso, possiamo fare approssimativamente una distinzione tra tre categorie di apprendimento:
apprendimento superficiale, apprendimento strategico e apprendimento profondo.
A un estremo abbiamo un apprendimento superficiale: è osservato principalmente tra gli studenti che tendono a minimizzare gli sforzi e gli investimenti personali o tra gli studenti che non sanno come apprendere in altro modo.
In effetti, questo tipo di apprendimento può essere il risultato della convinzione dello studente che è così che avviene l’apprendimento.
L’obiettivo principale di questi studenti è quello di poter rigurgitare il materiale attraverso l’apprendimento meccanico, pensando che questo è ciò che ci si aspetta dal loro professore!
L’apprendimento strategico è principalmente osservato tra gli studenti che non danno necessariamente un senso al loro percorso di apprendimento.
Il loro obiettivo principale è soprattutto quello di avere successo, anche se superare gli esami implica l’adozione di un approccio di apprendimento superficiale.
L’apprendimento profondo, d’altra parte, è principalmente osservato tra gli studenti che sono motivati e che cercano di dare un senso al loro percorso di apprendimento.
Mirano non solo a superare gli esami, ma anche a ottenere sviluppi personali e intellettuali.
Nel mondo di oggi in rapida evoluzione, la capacità di acquisire conoscenze e abilità profonde è più importante della compilazione di una conoscenza statica.
Come facoltà, il nostro compito, o anche la nostra giuria, è anche quello di insegnare ai nostri studenti come imparare, come diventare efficienti nel loro apprendimento e come diventare discenti autoregolati.

 

 

QUANDO AVVIENE L’APPRENDIMENTO?

 

La domanda principale è come insegnare al fine di favorire l’apprendimento profondo, sia in modo sincrono in classe che in modo asincrono fuori dalla classe.
Ora sappiamo che è la combinazione tra buone pratiche didattiche e l’uso tattico degli studenti delle strategie di apprendimento che si traduce in risultati di apprendimento positivi.
Nel sistema europeo di trasferimento dei crediti di Bologna, i risultati dell’apprendimento sono calcolati con una certa quantità di tempo in classe e una certa quantità di tempo lontano.
Ad esempio, nelle scienze, sono due terzi del tempo in classe e un terzo in una media di apprendimento a distanza.
Pertanto, è essenziale aiutare gli studenti a diventare discenti indipendenti.
Molti studenti non sanno come apprendere il contenuto nelle diverse aree che studiano.
La facoltà ha concezioni o teorie implicite o esplicite su ciò che significa apprendere
e pensare nella propria disciplina.
Aiutare gli studenti a prendere coscienza di queste idee è un aspetto importante dell’insegnamento.
Mentre gli studenti apprendono una materia, devono anche imparare qualcosa sulle abilità coinvolte nell’apprendimento di quell’argomento specifico.
Ad esempio, gli studenti devono sapere come ragionare attraverso problemi di ingegneria,
come pensare e scrivere criticamente e come identificare informazioni importanti
su un particolare saggio letterario.
Pertanto, è importante insegnare agli studenti come utilizzare le strategie di apprendimento da soli.
Insegnare agli studenti come imparare in classe aumentando l’autoconsapevolezza, collegando nuove idee e conoscenze precedenti si sviluppa l’autoregolamentazione degli studenti per continuare a imparare in modo efficiente anche fuori dalla classe.
La maggior parte dell’apprendimento degli studenti avviene al di fuori della classe. Non dimenticarlo mai!

 

 

LA TASSONOMIA DI BLOOM RIVISTA

 


È importante tenere a mente la tassonomia di Blooms, per progettare attività che coinvolgano gli studenti nell’apprendimento approfondito.
Ma prima: cos’ è la tassonomia di Bloom?
È uno strumento molto utile per promuovere forme più elevate di pensiero nell’educazione,
come l’analisi, la valutazione e la creazione.
È fondamentale iniziare identificando le attività per massimizzare l’apprendimento prima, durante e dopo la lezione, al fine di attivare il pensiero giusto al momento giusto.
In uno standard classico nell’impartire lezioni, gli studenti si impegnano ai livelli inferiori della tassonomia di Bloom.
In altre parole, ascoltano il loro insegnante, prendono appunti e cercano di ricordare.
I livelli superiori di applicazione, analisi, valutazione e creazione avvengono fuori dalla classe e questa è la parte più difficile.

Quindi, la parte più difficile si verifica quando gli studenti sono fuori classe, senza supervisione, feedback o aiuto da parte dell’insegnante.
E questo è esattamente ciò che cambia in una classe capovolta, dove la parte facile
del ricordare e della comprensione avviene fuori dalla classe.
Capovolgere la tua classe significa progettare tutto o solo una parte del tuo insegnamento, comprese le attività in tre diverse fasi: prima della lezione, durante le lezioni e dopo le lezioni. Questi sono i miei studenti che fanno un test di collaborazione.
Sono profondamente impegnati nel loro apprendimento.
In un’aula capovolta, vogliamo passare da studenti passivi a studenti impegnati che discutono e confrontano idee.
La tassonomia di Blooms, alla fine degli anni ’50, rivista nel 2001 da Anderson e Krathwohl, è forse la struttura di pensiero più duratura che influenza la pedagogia dell’istruzione superiore in tutto il mondo.
La tassonomia di Blooms rivista distingue i livelli più bassi, come ricordare,
e livelli più alti, come analizzare, valutare e creare.
La versione di Bloom’s Taxonomy, rivista nel 2001, propone che gli obiettivi formativi
possano essere raggruppati in sei categorie principali, a partire dal più semplice e concreto (il ricordo) verso il più complesso e astratto (creazione).
I docenti che fanno affidamento sulla nuova tassonomia di Blooms non sono solitamente soddisfatti dei risultati inferiori del pensiero nei loro studenti.
Cercano attivamente strategie didattiche che spingano gli studenti a uscire dalla loro zona di comfort di memorizzazione.
In effetti, quei membri della facoltà invitano i loro studenti ad affrontare richieste di pensiero più complesse.

 

 

LA VISIONE DEL FORUM ECONOMICO MONDIALE SUL FUTURO

 


Il punto di vista del Forum economico mondiale sul futuro.
Nel 2015, il World Economic Forum ha identificato 16 competenze critiche per il 21 ° secolo.
Queste abilità sono raggruppate in tre aree diverse: alfabetizzazione di base, competenze
e qualità dei caratteri.
Secondo il WEF, l’educazione dovrebbe concentrarsi sullo sviluppo delle qualità del personaggio principale.
Curiosità, iniziativa, persistenza, leadership, adattabilità, consapevolezza culturale sociale,
che sono vicini all’empatia, sono le qualità richieste per avere successo in un mondo molto complesso e in rapida evoluzione.
Quando gli studenti hanno queste capacità saranno in grado di sviluppare le competenze richieste per quel futuro non mappato.
L’intelligenza artificiale, la robotica, l’internet delle cose, l’internet industriale, i progressi tecnologici renderanno ridondanti alcuni lavori attuali, sviluppando al contempo un’intera gamma di lavori che ancora non esistono.
Le implicazioni di questo per l’educazione di oggi sono che abbiamo bisogno di preparare i nostri figli per il posto di lavoro in un mondo completamente nuovo.
E penso che sia molto importante che tali affermazioni per un cambiamento nell’istruzione provengano dall’economia stessa.

 

 

COSA SUCCEDE QUANDO UNO STUDENTE ENTRA NELLA TUA CLASSE?

 


Cosa succede quando uno studente entra nella tua classe? Cosa succede se un’attività di apprendimento è troppo facile?
Può diventare noioso?
D’altra parte, se un compito di apprendimento è troppo difficile, può diventare frustrante.
Entrambi gli estremi possono portare al disimpegno.
Un principio fondamentale dell’apprendimento è che il compito deve essere sufficientemente difficile da rappresentare una sfida, ma non così difficile da demotivare gli studenti.
Quando gli studenti stanno lavorando alla loro sfida ottimale, è più probabile che siano coinvolti. Inoltre, gli studenti strategici, che rappresentano la maggioranza degli studenti di tutto il mondo,
tendono a voler ottenere i migliori risultati mentre sono impegnati il minimo, quindi la loro domanda è
“come posso avere successo in questo corso lavorando meno?”
E ‘quindi essenziale per gli istruttori  garantire che gli studenti lavorino nella loro zona ottimale e sfidarli, così diventino motivati ​​e raggiungano un apprendimento profondo.

 

 

Secondo il modello Vygotzky (sviluppato all’inizio degli anni ’30, nel secolo scorso), The Zone Of Proximal Development (ZPD) è la distanza tra la capacità di uno studente di svolgere un compito sotto la guida dell’insegnante e / o con la collaborazione tra pari, e la capacità dello studente di risolvere il problema in modo indipendente. La zona dello sviluppo prossimale (ZPD) è dove si verifica l’apprendimento, secondo Vygotsky. Ma cos’è? È la distanza tra la capacità di uno studente di eseguire un compito autonomamente (indipendentemente) e la capacità di uno studente di eseguire un compito sotto la guida dell’insegnante e / o con la collaborazione tra pari.

 

COSA MOTIVA LO STUDENTE?

 


Pochi argomenti riguardano la facoltà tanto quanto la motivazione degli studenti.
La Facoltà spesso si preoccupa degli studenti che sembrano disimpegnati, che frequentano le lezioni sporadicamente o il cui uso del laptop in classe sembra più diretto ai social media che al materiale insegnato.
Tutti i membri di facoltà desiderano che gli studenti condividano la loro passione per l’argomento, studenti desiderosi di imparare e che facciano domande intelligenti.
Tuttavia, diciamoci la verità: la maggior parte degli studenti di istruzione superiore sono studenti strategici.
Ma, qual è esattamente la motivazione e come viene attivata dagli studenti?
Fondamentalmente, distinguiamo due tipi di motivazione: la motivazione intrinseca, che è interna e dipende dallo studente, e la motivazione estrinseca, che è esterna e dipende da altri fattori.
È probabile che gli studenti estrinsecamente motivati ​​si impegnino nel corso per motivi di
premi esterni, come voti o riconoscimenti.
D’altra parte, gli studenti intrinsecamente motivati ​​si impegnano in un’attività per il valore
dell’attività stessa.
Questi studenti imparano per il piacere di imparare e hanno un forte senso di autodeterminazione riguardo al loro percorso educativo.
Purtroppo, come sviluppatore educativo, ho spesso osservato che gli intrinsecamente motivati studenti rassicurano gli insegnanti “cattivi” per le ragioni sbagliate.
In effetti, sono studenti indipendenti e probabilmente riuscirebbero autonomamente.
La sfida che l’istruzione superiore deve affrontare oggi è come motivare con successo gli studenti strategici a diventare intrinsecamente motivati ​​- e credetemi, non è un compito facile!
Nell’istruzione superiore, esiste una formula comunemente accettata per definire la motivazione intrinseca:
Im = Se x Ev La motivazione intrinseca (Im) equivale all’autoefficienza
(Se) moltiplicata per il valore di aspettativa (Ev).
In altre parole, se gli studenti pensano che un’attività sia troppo facile, il compito diventa noioso, e se l’attività è troppo difficile, l’attività diventa frustrante.
L’altro parametro riguarda il valore atteso dell’attività specificata.
Gli studenti in genere indirizzano il loro comportamento verso attività che apprezzano e in
cui trovano significato per il loro futuro professionale.
In caso contrario, potrebbero anche essere demotivati.
Prendersi il tempo di fornire agli studenti un feedback costruttivo e individualizzato quando si ritornano i test è un’opportunità per un ulteriore insegnamento e può potenziare gli studenti con il loro apprendimento e il loro coinvolgimento.
Quando possibile, cerco di creare collegamenti o, ancor meglio, di incoraggiare i miei studenti a creare collegamenti tra le loro esperienze di apprendimento e il loro futuro professionale.
Più che mai, il significato è al centro della motivazione intrinseca e, di conseguenza,
al centro dell’esperienza di apprendimento.

 

 

LA CLASSE PUZZLE

 


In questo paragrafo analizzeremo alcune strategie didattiche che possono stimolare l’apprendimento attivo.
Ce ne sono molti ed è del tutto impossibile descriverli tutti, ma possiamo guardarli da vicino
solo per entrare nell’umore e iniziare a considerarli per la prossima classe, se possibile.
Iniziamo con il mio preferito. L’aula di puzzle.
L’aula puzzle è una tecnica di apprendimento cooperativa basata sulla ricerca inventata e sviluppata nei primi anni ’70 da Elliot Aronson e dai suoi studenti all’Università del Texas
e all’Università della California.
Dal 1971, migliaia di aule hanno utilizzato il puzzle con grande successo.
Prima hai l’aula. Inizia dividendo la classe in gruppi a
cui vengono assegnati compiti.
Ogni membro del gruppo ha gli stessi assunti e sta lavorando su un argomento specifico per diventare esperti di questi argomenti. Il passo successivo è ricreare nuovi gruppi con un esperto di ogni argomento.
E questo è quando l’apprendimento accade.
Ogni membro del gruppo incontra un membro degli altri gruppi e forma un nuovo gruppo di attività.
E in questo nuovo gruppo di lavoro, ogni studente è responsabile di insegnare agli studenti degli altri gruppi ciò che il suo gruppo ha imparato.
Poiché ogni studente è quindi in un gruppo in cui ogni gruppo è rappresentato,
tutti gli studenti hanno l’opportunità di apprendere l’essenza di tutti i compiti.
E tutti i temi sono coperti.
Questa è una tecnica molto efficace per coinvolgere tutti gli studenti in classe.

 

 

THINK – PAIR – SHARE

 


La forma più semplice di interattività e tuttavia una delle più efficaci è chiamata
la “strategia Think-Pair-Share”.
Le origini effettive di questa strategia sono difficili da definire, ma sono state elencate praticamente da tutte le ricerche sull’apprendimento collettivo in classe.
L’idea di base è di porre all’intera classe una domanda e chiedere a ciascuno di ‘pensare’
individualmente per circa 2-3 minuti.
Quindi, le coppie si formano e entrambi i membri discutono la loro risposta, ogni membro della coppia condivide l’uno con l’altro ciò che hanno pensato riguardo alla domanda.
E infine, questo viene condiviso con la classe nel suo complesso!
La strategia think-pair-share è molto efficace per recuperare l’attenzione degli studenti
e stimolare una elaborazione più profonda.
Spesso chiedo ai miei studenti di pensare a una domanda per un minuto, scrivere le loro idee per un altro minuto e poi condividere con un vicino.
Gli studenti sono quindi più propensi a partecipare a una discussione generale su quella domanda.

 

 

FISHBOWL

 


Nella boccia per pesci, una cerchia esterna di studenti si siede attorno a una cerchia ristretta di circa cinque studenti.
Gli studenti nella cerchia ristretta discutono su un argomento specifico mentre gli studenti nel circolo più esterno osservano e prendono appunti in silenzio sia sul contenuto che sul processo di gruppo.
Gli studenti della cerchia ristretta sono chiamati a partecipare a una discussione ad alto livello mentre gli osservatori ascoltano i contenuti della discussione e della critica.
In qualsiasi momento del dibattito, un osservatore che vuole prendere parte alla discussione,
tocca delicatamente la spalla di uno studente sulla spalla e scambia i posti con lui o lei.
Siate consapevoli, tuttavia, che alcuni studenti non si sentono a proprio agio nel sentirsi considerati nella discussione – religione,
cultura – quindi considerano un’alternativa semplicemente alzare le mani.
La tecnica del fishbowl ha due obiettivi: 1) fornire una struttura per una discussione approfondita,
2) per fornire agli studenti l’opportunità di osservare i processi di gruppo in un contesto di discussione.
L’insegnante può decidere di facilitare la discussione interiore o no, sedersi con il cerchio interno o con il cerchio esterno o no. separato per osservare entrambi i cerchi.

 

 

ISTRUZIONI PER LE PERSONE

 


Esistono molte prove che l’apprendimento e l’insegnamento tra pari sono estremamente efficaci per una vasta gamma di obiettivi.
Inoltre, l’abilità nel lavorare in modo cooperativo è essenziale per la maggior parte delle vocazioni.
L’insegnamento tra pari come sistema di apprendimento coinvolge gli studenti che si apprestano a imparare al di fuori della classe facendo letture pre-classiche.
Quindi, in classe, l’istruttore impegna gli studenti ponendo domande concettuali preparate
denominate ConcepTest basate sulle difficoltà degli studenti.
La procedura di interrogatorio proposta da Eric Mazur, dell’Università di Harvard, è la seguente:
1) Dopo una breve presentazione, l’Istruttore pone una domanda basata sulle risposte degli studenti alla loro lettura pre-classe.
2) Gli studenti riflettono sulla domanda e poi
3) Si impegnano a una risposta individuale, votando.
4) L’istruttore esamina le risposte degli studenti.
5) Quindi, gli studenti discutono il loro modo di pensare e le risposte con i loro coetanei che hanno una risposta diversa.
6) Gli studenti poi votano di nuovo per una risposta individuale.
7) L’istruttore rivede nuovamente le risposte e decide se sono necessarie ulteriori spiegazioni
prima di passare al concetto successivo.
Se, dopo il primo voto, c’è meno del 30% di buone risposte, gli Istruttori aggiungono alcune informazioni
e ripetono il processo fin dall’inizio.
D’altra parte, se dopo il primo voto ci sono più del 70% di buone risposte,
l’istruttore può saltare il secondo voto e chiedere agli studenti di spiegare la risposta corretta.
Gli istruttori possono anche sfruttare la tecnologia per comunicare con gli studenti,
utilizzando i siti Web di risposta degli studenti.
Questi siti Web di Polling consentono a un gran numero di studenti di inviare le proprie risposte individuali
al computer di un istruttore.
L’istruttore è quindi in grado di valutare rapidamente la conoscenza preliminare dello studente di una materia
o verificare la propria comprensione di un nuovo concetto.

 

 

UN MINUTO DI CARTA

 


Un modo semplice per garantire che la classe nel suo complesso funzioni efficacemente è la carta da un minuto.
Alla fine della classe gli studenti scrivono e inviano in modo anonimo uno o due paragrafi in risposta
a domande quali: “qual è stata la cosa più importante che hai imparato durante questa lezione?”
o ‘quali importanti domande rimangono senza risposta?’.
Una variazione di questa tecnica, e questo il modo in cui pratico il giornale di un minuto
con i miei studenti, è di chiedere loro durante la lezione di riflettere durante uno o due minuti
su qualsiasi domanda che potrebbero voler porre o commenti che avrebbero voluto fare
e scrivili su un pezzo di carta.
L’insegnante raccoglie i documenti anonimi e nei restanti minuti di lezione,
legge domande e commenti e risponde o li indirizza a tutti.
La strategia della carta di un minuto aiuta a chiarire e correggere le incomprensioni
prima che gli studenti restino indietro.

 

 

BRAINSTORMING

 


Lo scopo di una sessione di brainstorming è creare una vasta lista di idee.
Ci sono quattro regole: 1) I gruppi dovrebbero essere da 4 a 6 studenti
2) Normalmente Informa gli studenti a fare il giro in senso orario per rispondere alla domanda.
Per generare il flusso di idee, gli studenti devono essere invitati a non giudicare,
interrompere o commentare le idee.
3) Spiega agli studenti se ci saranno più round, annuncia un limite di tempo e poni il prompt.
4) Chiedi a uno studente di iniziare l’attività dicendo un’idea o risponde ad alta voce.
Ad esempio, potrebbe essere utile per gli studenti assumere un ruolo come registratore,
custode del tempo o esecutore di regole.
Gli studenti generano idee ma non elaborano, spiegano, valutano o mettono in discussione le idee.
I membri del gruppo a turno rispondono a una domanda con una parola, una frase o brevi dichiarazioni.
Questa tecnica di apprendimento collaborativo è efficace per generare molte idee
perché richiede a tutti gli studenti di partecipare e perché scoraggia i commenti
che interrompono o inibiscono il flusso di idee.
Le idee che vengono generate possono essere compilate in un elenco che potrebbe servire
come base per un compito successivo.

 

WORLD CAFÈ

 


La metodologia del World Café è un formato semplice, efficace e flessibile
per l’hosting di dialoghi di grandi gruppi basati su 5 componenti:
1) Impostazione: creare un ambiente “speciale”, possibilmente modellato dopo un caffè, cioè
piccole tavole rotonde coperte da un tovaglia di carta bianca su cui i partecipanti
saranno in grado di disegnare e scrivere.
Ci dovrebbero essere quattro sedie per ogni tavolo, in modo ottimale – e non più di cinque.
2) Benvenuto e introduzione: l’ospite, che rimarrà allo stesso tavolo durante l’intera sessione,
inizia con un caloroso benvenuto e un’introduzione al processo del World Café,
definendo il contesto, condividendo l’Etichetta del Caffè e mettendo i partecipanti a proprio agio.
3) Gruppi di piccoli round: il processo inizia con il primo di tre turniventi minuti
di conversazione diper il piccolo gruppo seduto attorno a un tavolo.
Alla fine dei venti minuti, ogni membro del gruppo si sposta su una nuova tabella diversa.
L’host dà il benvenuto al prossimo gruppo e li riempie brevemente di ciò che è accaduto nel round precedente.
4) Domande: ogni turno è preceduto da una domanda appositamente creata per il contesto specifico
e lo scopo desiderato del World Café.
Le stesse domande possono essere utilizzate per più di un round, oppure possono essere costruite l’una sull’altra
per focalizzare la conversazione o guidarne la direzione.
5) Vendemmia: dopo i piccoli gruppi (e / o in mezzo ai round, se necessario), gli individui
sono necessari per condividere approfondimenti o altri risultati dalle loro conversazioni
con il resto del gruppo numeroso.
Questi risultati si riflettono visivamente in una varietà di modi, il più delle volte
usando la registrazione grafica nella parte anteriore della stanza.
Il World Café facilita la discussione, inizialmente in piccoli gruppi e quindi collega le idee all’interno di
un gruppo più ampio per accedere all’intelligenza collettiva o alla saggezza collettiva nella stanza.
Come puoi vedere, le stanze sembrano molto caotiche, ma in realtà
questa metodologia è molto efficiente nella strutturazione delle conversazioni.

 

 

COSA SI PUO’ DIRE RIGUARDO LE REAZIONI DEGLI STUDENTI?



Ascoltiamo anche i commenti dei nostri ospiti sull’efficacia del loro approccio, perché
è il momento di chiedercelo direttamente, non solo in base alla prospettiva dell’insegnante
ma anche a quella degli studenti.
C’è stato qualche cambiamento nelle reazioni degli studenti dopo aver sperimentato l’apprendimento direttamente attivo
rispetto alle lezioni?
Sono consapevoli dell’efficacia di questo tipo di esperienza di apprendimento?

 


A volte gli studenti si divertono molto a fare l’attività e vogliono fare di più.

In conclusione, potremmo dire che dalle nostre prospettive, l’importante è l’apprendimento,
non l’insegnamento.
Ogni studente è unico e può essere imprevedibile.
Data la possibilità e le risorse necessarie, ogni studente può avere successo, ma non tutti
allo stesso tempo e non tutti allo stesso modo.
A volte gli insegnanti possono sbagliarsi. Se sbagliano troppo spesso non dovrebbero insegnare, ma se non sbagliano, appartengono al cielo, non all’università!
Gli studenti possono imparare di più parlando tra loro piuttosto che ascoltando la facoltà,
ma dobbiamo preparare interazioni coinvolgenti e interessanti.
Una chiave per il miglioramento è la riflessione, pensando a ciò che si vuole raggiungere nella tua classe, i risultati di apprendimento desiderati e ciò che tu e i tuoi studenti dovete fare per raggiungerli.
Se confrontassimo l’apprendimento con il tandem, potremmo dire che in una classica modalità trasmissiva, l’insegnante è il pilota anteriore che decide quale percorso, quale velocità, che si ferma a fare.
In quella situazione, lo studente è un cavaliere posteriore, un osservatore passivo di ciò che sta accadendo.
Ora immaginiamo la situazione opposta: lo studente è il cavaliere anteriore e l’insegnante
è il pilota posteriore, un istruttore passivo che fornisce consigli, spiegazioni e avvertimenti.
In quella seconda situazione, nonostante il fatto che l’insegnante sia passivo, lui o lei ha
creato un ambiente di apprendimento attivo.